HOME PAGE | CONTATTI | ACQUISTA LE PUBBLICAZIONI | SCHEDA GIORNALISTA |

9 Ottobre 2012

BLOG

Archiviato in: Auto, IL BLOG "PERLE E PIRLATE" da candido motore, Notizie — collaboratore @ 8:26
 

CHI E’ CHI?

Finalmente posso parafrasare il nome della rubrica che mi ospita per chiedervi aiuto nel trovare risposta a due domande. La prima è “Chi è chi?”: sì, mi sto chiedendo chi sia Alberto Burgio. Ammetto la mia ignoranza, non ne avevo mai sentito parlare sino ad ora. E dire che è professore ordinario di Storia della Filosofia all’Università di Bologna dal 2001, ha tenuto corsi di “Storia del razzismo”, dal 2006 tiene l’insegnamento di “Immagini della razza nella letteratura scientifica”. Ha addirittura vinto nel 2008 la terza edizione del Premio “Festivalstoria” per i suoi studi sul razzismo. La seconda invece è “E che c’azzecca?”, di dipietrana memoria, con questo blog dedicato all’auto? Me lo sto chiedendo incessantemente anch’io, eppure questo brillante accademico ha dichiarato durante la puntata de “L’ultima parola” di Gianluigi Paragone di venerdì scorso 5 ottobre che “metà della capitalizzazione di Fiat sono trasferimento pubblici”.

Alla data odierna la capitalizzazione di borsa di Fiat SpA è pari a 5,4 miliardi di euro, quella di Fiat Industrial a 9,5 miliardi di euro, cioè circa 15 miliardi di euro se combinate insieme. Poiché i nostri parlamentari (ebbene sì, è stato anche deputato del Parlamento della Repubblica italiana) non hanno mai perso, almeno sino ad ora, il brutto vizio di parlare senza documentarsi adeguatamente, provo io a fare un po’ di chiarezza citando quanto l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ha recentemente dichiarato: dal 2004 ad oggi, Fiat e Fiat Industrial hanno destinato all’Italia, per investimenti e attività di ricerca e sviluppo, 21 miliardi di euro. A fronte di questi, ha ricevuto agevolazioni pubbliche pari a circa 700 milioni di euro, nel rispetto delle norme italiane ed europee, ovvero poco più del 3% del totale degli investimenti. Limiterei qua la mia analisi, non disponendo di altri dati ufficiali per smentire le affermazioni del professore, lasciando a chi legge trarre le debite e ovvie conclusioni, salvo aggiungere che sarebbe interessante scoprire dal professore se il dato da lui citato includa anche eventuali finanziamenti agevolati, o ad altro titolo, che Fiat ha prima ricevuto e poi restituito, pagando gli interessi. E concludo la mia disamina: ma che “razza” di calcoli fa questo professore?

 

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Crisalidepress.it è una testata registrata presso il Tribunale di Milano n. 481 del 05.09.2001 - Copyright © Crisalide Press srl