HOME PAGE | CONTATTI | ACQUISTA LE PUBBLICAZIONI | SCHEDA GIORNALISTA |

1 Giugno 2012

MERCATO ITALIA MAGGIO 2012 – NELLA CRISI DI MAGGIO A TUTTO GAS VANNO SOLO LE VENDITE DI GPL

Archiviato in: Auto, Mercato auto visto da dentro, Notizie — collaboratore @ 10:36
 

In maggio a ridere davvero sono state solo le vendite dei veicoli alimentati a GPL, cresciute del 165,89% in un mercato arretrato del 14,26%. Il GPL così arriva al 9,61% di quota in maggio e al 7,14% nel cumulato, rispetto a 3,10% e 2,78% nei corrispondenti periodi del 2011.

Andamento meno “gasato” per il metano, che sorride soltanto, essendo salito del 45,95% in maggio, con la quota ora al 3,95% nel mese e al 3,55% nel cumulato.

A soffrire della crescita dell’alimentazione a gas sono soprattutto i veicoli a benzina, scesi in maggio del 23,84%, con la quota ora al 34,76% dal 39,12% dell’anno scorso. Resiste meglio il diesel, in flessione del 20,48%, con la quota ora al 51,23% dal 55,21% di maggio 2011. Insignificanti le elettriche (+55,56% in percentuale, ma solo 28 unità) mentre le ibride, che erano in calo nei quattro mesi, in maggio si sono riprese, crescendo del 49,64% a 627 unità.

Come sempre succede in Italia, il grosso del mercato si è fatto negli ultimi tre giorni, quando San Chilometro zero dispiega i suoi benefici effetti per pompare artificialmente volumi e quote di mercato.

Martedì 29 sono state immatricolate poco più di 8.000 unità, portando il totale a quasi 107.000 targhe, mercoledì 30 dentro 11.000 targhe per salire a oltre 118.000 e quindi gran finale, con botti e champagne, giovedì 31, con quasi 29.000 targhe, che miracolosamente hanno portato il mese a chiudere a 147.102 unità.

Gli ultimi tre giorni, attorno alle 48.000 unità, hanno pesato per il 33% del totale del mese, che ha visto le immatricolazioni scendere comunque del 14,26% rispetto alle 171.559 unità di maggio 2011.

Da notare comunque che un terzo delle targhe fatto negli ultimi tre giorni non è tra i risultati peggiori di quest’anno, che hanno visto febbraio oltre il 41%, aprile a quasi il 40,5% e marzo al 38,9%. Maggio in effetti è allineato a gennaio, quando gli ultimi tre giorni pesarono per il 32,95%.

Tra le marche, le tre migliori performances arrivano di nuovo da Kia, Land Rover e Dacia.

La casa coreana ha davvero ingranato la quinta, +81.91% nel mese e +50,93% nel cumulato e come crescita si mette su un piedestallo da dove guarda dall’alto in basso anche chi tra i concorrenti se la passa meglio.

L’Evoque continua a trascinare la Land Rover a un +24,59% in maggio e +25,97% nel cumulato. Quindi Dacia, in progresso rispettivamente del 23,82% e del 21,61%.

Le flessioni più pesanti sono invece quelle di chi ha un’intera gamma soggetta alla tassa di lusso, quindi Maserati e Ferrari. In mezzo, con una flessione del 62,26% la Daihatsu, che però è anch’essa giustificata, poiché dall’anno prossimo lascerà il mercato europeo.

Nelle top ten guidano tre Fiat, Panda, Punto e 500. La Ford Fiesta rimane la prima auto estera, quarta in assoluto ma solo 22 unità avanti la Lancia Ypsilon.

Per quanto riguarda le previsioni per l’intero anno, la più pessimista rimane quella di Federauto, l’associazione dei concessionari, che proietta una flessione del 22% a 1.370.000 unità, mentre l’associazione delle case estere UNRAE immagina una flessione del 18% a 1.430.000. In mezzo la previsione della Fiat, per un mercato attorno a 1.400.000.

Per sentirsi tutti più giovani va ricordato che l’ultima volta in cui in Italia si vendettero meno di 1.400.000 unità fu il 1979: allegria!

Numerologo Sincero

Legenda al grafico.

Il grafico evidenzia le variazioni in percentuale delle immatricolazioni nel mese delle principali marche operanti in Italia utilizzando i seguenti colori:

-       Verde: immatricolazioni in crescita in valore assoluto, ovvero maggior numero di unità immatricolate rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente. Guadagno in volumi e in quota di mercato.

-       Giallo : valore medio del mercato

-       Arancione: immatricolazioni in crescita rispetto alla media del mercato (linea gialla) nel mese in esame, ma inferiori a quelle dello stesso mese dell’anno precedente. Volumi quindi in calo, ma aumento della quota di mercato.

-       Rosso: immatricolazioni in calo superiore alla media del mercato (linea gialla). Calo sia di volumi, sia di quota di mercato.

 

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Crisalidepress.it è una testata registrata presso il Tribunale di Milano n. 481 del 05.09.2001 - Copyright © Crisalide Press srl